Studio

L’importanza della concentrazione durante lo studio

La concentrazione è la capacità di rimanere focalizzati su una determinata azione che si sta compiendo, come ad esempio lo studio, che richiede un attenzione particolare, in modo tale da risultare più produttivo senza perdite di tempo. Sarà capitato a chiunque di perdere la concentrazione dopo ore e ore passate sui libri, rileggere la stessa frase decine di volte senza capire o ricordare ciò che è stato appena letto, questo accade perché dopo un tot di tempo il nostro cervello ha bisogno di una pausa, per far sì che il tempo passato effettivamente a studiare sia produttivo al massimo, rendendoci l’apprendimento più semplice, senza distrazioni.

La preparazione allo studio

L’ambiente ha un ruolo fondamentale per quanto riguarda la concentrazione, che varia da persona a persona: c’è chi predilige il silenzio assoluto, chi una musica di sottofondo, così come una luce accesa o una più soffusa. Come punto di partenza è bene trovare una zona tranquilla che ci faciliti la concentrazione, munirsi di tutto ciò che ci occorre in modo tale da non doversi alzare durante lo studio, causando una, seppur breve, distrazione. Evitare di tenere accesi i dispositivi quali smartphone e TV che sono indubbiamente causa di interruzione continue e renderanno il nostro apprendimento lento. Una volta che abbiamo creato la nostra zona studio ideale è ora di concentrarsi, aiutandoci anche con alcune tecniche che ci agevoleranno.

La lettura concentrata

Una delle tecniche di studio è proprio quella della lettura concentrata, che consiste nel riassumere ogni paragrafo appena letto in circa 20 parole, sapendo cogliere gli aspetti più rilevanti e importanti di ciò che si è appena letto. Ciò richiede sicuramente una concentrazione elevata, in quanto bisogna leggere con molta attenzione e capire realmente il contenuto, in modo tale da riuscire poi a riassumere in poche parole. Eseguendo questa tecnica con ciascun paragrafo saremo poi in grado di sintetizzare l’intero capitolo in modo breve e semplice.

La tecnica del pomodoro

Molti già saranno a conoscenza di questa tecnica utilissima per lo studio, il cui nome deriva proprio dal timer a forma di pomodoro, che ci permette di mantenerci concentrati per un determinato lasso di tempo senza alcuna distrazione, in modo che ogni minuto sia focalizzato solo ed esclusivamente sul raggiungimento dell’obiettivo che ci siamo predisposti. Vediamo nel pratico come funziona:

  1. Si sceglie l’attività che intendiamo completare
  2. Si imposta un timer di circa 25 minuti
  3. Si studia per quel lasso di tempo evitando qualsiasi distrazione fino allo scadere del timer
  4. Quando il tempo sarà finito possiamo concederci una pausa di 5 minuti
  5. Ogni 4 periodi da 25 minuti, ci concediamo una pausa di 15-30 minuti

È appurato che questa tecnica realmente funziona e aiuta notevolmente lo studio, anche delle materie più noiose. Il consiglio è quello di non allungare troppo le pause, ma neanche i 25 minuti di lavoro che ci siamo prefissati, infatti la tecnica sarà efficace se si rispettano effettivamente i tempi del timer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *