Sono sempre di più le persone che dopo aver abbandonato gli studi al termine delle superiori vorrebbero laurearsi a 30 anni per cambiare lavoro, riscattarsi o semplicemente accrescere il proprio livello culturale; i più si chiedono se sia possibile laurearsi a questa età o se, dato che la mente non è più fresca sia difficile. Altro fattore che spesso demotiva i futuri studenti è la difficoltà a conciliare famiglia, lavoro e studio.

Se la tua preoccupazione è quella della mancanza di tempo, non devi aver paura perché grazie alle tecniche di apprendimento rapido che si possono apprendere sul portale www.memosystem.it, laurearsi a 30 anni, è davvero possibile e semplice.

Vediamo insieme cosa vuol dire tecniche di apprendimento rapido e come possono aiutarti nel superare gli esami universitari e permetterti di prendere la qualifica che tanto desideri.

Apprendimento rapido: cosa vuol dire

Prima di entrare nel vivo e spiegarti qualche tecnica di apprendimento rapido voglio illustrarti cosa sia questa metodologia di apprendimento e perché sempre più persone la studiano e ne fanno ricorso, non solo per studiare.

L’apprendimento rapido è un insieme di tecniche, collaudate e provate, che consentono di apprendere velocemente e in maniera efficace, concetti e informazioni.

Non si tratta di magie o stregonerie ma di procedure che i basano su studi psicologici.

Il concetto cuore dell’apprendimento rapido, mira a sfruttare tutte le aree del cervello oltre che tutti i sensi affinché la memorizzazione sia rapida ed efficace.

Il tutto è stato studiato e l’efficacia di queste tecniche è stata confermata da uno studio del 2016 ad opera del Pew Research Center.

Laurearsi a 30 anni: le mappe mentali

Una delle tecniche più efficaci per laurearsi a 30 anni è quella di utilizzare le mappe mentali; sono utilissime per apprendere qualsiasi concetto che rimane impresso grazie all’impatto visivo.

Il segreto è realizzarle in modo chiaro ed esplicativo posizionando il concetto chiave al centro e quelli secondari collegati a lato, come fossero dei rami di un albero.

La fotografia mentale

Questo procedimento associa i concetti a oggetti o elementi fisici e ricordi; in questo modo ti sarà più facile ricordare le parti più difficili.

Ad esempio, alle elementari, periodo in cui si inizia ad esercitare la memorizzazione e l’apprendimento, per molti alunni potrebbe risultare difficile ricordare fatti e avvenimenti storici importanti: un metodo potrebbe essere quello di associare una data di un evento storico importante, allo stesso numero che magari ricorre in un vecchio fumetto o su qualche stampa.

Una tecnica per sfruttare al massimo la fotografia mentale è racchiusa nell’acrostico ‘guardo chi corre che serve a spiegare una tecnica davvero efficace per la fotografia mentale, ossia:

Applicare la regola del 20/80

Questo è un concetto sviluppato dall’economista italiano Vilfredo Pareto che sostiene che l’80% dei risultati viene dal 20% del tuo input.

Per spiegarlo meglio possiamo dire che il 20% delle persone nella tua vita, porteranno l’80% di felicità così come solo il 20% dei tuoi sistemi di apprendimento porteranno l’80% dei risultati.

Ad esempio, se vuoi imparare lo spagnolo rapidamente per parlarlo durante la tua vacanza, non concentrarti nell’imparare a leggerlo e scriverlo, ma semplicemente impara a parlarlo.

Un ulteriore metodo per imparare in fretta qualsiasi concetto e riuscire a laurearsi a 30 anni è quello di insegnare le cose ad un’altra persona o fare finta di farlo; rielaborare a voce alta è un’ottima tecnica per memorizzare concetti e argomenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *